SMUM Big Band 25° Silver Session 1

special guest Bobby Watson with Ambrosetti Family

SMUM Big Band 25° Silver Session

  • Condividi:

smum.ch

La Scuola di Musica Moderna (SMUM) con la sua sede storica di Lugano (e quella di Losone) è al contempo una splendida realtà per tutta la nostra regione e una certezza per la formazione musicale dei giovani. È una struttura creata con l’intento di insegnare le tecniche musicali e diffondere la passione per la musica moderna nel rispetto e nella conoscenza delle sue radici ma con un occhio di riguardo per i suoi sviluppi e le più recenti tendenze. La SMUM nasce nel 1994 grazie ai suoi mentori originari: il trombettista e compositore luganese Franco Ambrosetti, il batterista Guido Parini, il chitarrista Giorgio Meuwly e il clarinettista e sassofonista Duca Marrer, scomparso nel 2009. Per festeggiare i primi 25 anni di esistenza di una scuola prestigiosa e ampiamente riconosciuta (oggi conta 270 allievi), Estival ha voluto invitare sul palco una formazione che, oltre ai fondatori della SMUM, comprende diversi suoi docenti: musicisti fra i più affermati a livello internazionale come Gabriele Comeglio, Emilio Soana, Brian Quinn, Danilo Moccia, Mario Rusca, solo per citarne alcuni. In scena ci saranno anche Franco e Gianluca Ambrosetti con Bobby Watson, ospite speciale! Decisamente delle nozze musicali d’argento da favola.

Franco Ambrosetti francoambrosetti.com

Compositore e raffinato interprete, il trombettista Franco Ambrosetti è uno dei nomi storici del Jazz in Europa e Stati Uniti, sulla cresta dell’onda dagli anni ’60, di lui si narra che Miles Davis abbia dichiarato: è l’unico bianco ad avere un suono nero. Grande improvvisatore, il flicorno di Franco ha un suono caldo, rotondo e intriso di lirismo, senza eccesso di cromatismi  e sempre attento a offrire una limpidezza timbrica. Ha collaborato con i migliori jazzisti internazionali, tra i quali Uri Caine, Phil Woods, Michael Brecker, Dexter Gordon, Joe Henderson, Ron Carter, Victor Lewis, Gato Barbieri, Dave Holland, Kenny Barron, John Scofield ma anche Alfredo Golino, Antonio Faraò, Dado Moroni e molti altri ancora. Storico è stato il suo sodalizio con George Gruntz e Daniel Humair nell’esperienza fondamentale con la Band del padre, l’altosaxofonista Flavio Ambrosetti, pioniere del Jazz europeo negli anni ‘50 e ‘60. Franco è co-fondatore della SMUM.

Bobby Watson bobbywatson.com

Saxofonista, compositore, produttore e insegnante Bobby è un abile jazz performer, un musicista caratterizzato da uno stile fluido e aggressivo influenzato dai primi anni trascorsi a fianco del grande batterista Art Blakey con i suoi Jazz Messengers di cui è stato direttore musicale (1977-81). Nativo del Kansas, Bobby si è formato all’Università di Miami con studenti di vaglia come Pat Metheny, Jaco Patorius, e Bruce Hornsby. Il suo album di debutto come solista è del 1975 a New York. Poi, ispirato da Blakey e dal pianista Horace Silver, insegue la pista del Bebop creando il gruppo Bobby Watson & Horizon con il bassista Curtis Landis e il batterista Victor Lewis. Ha collaborato con batteristi come Roy Hargrove, Louis Hayes, Max Roach, sassofonisti come George Coleman e Brendford Marsalis e polistrumentisti come Sam Rivers. Ma anche con Carlos Santana e cantanti come Joe Williams, Dianne Reeves, Lou Rawls, Betty Carter e Carmen Lundy.